72º Congresso Nazionale ATI

6-8 settembre 2017 - Grand Hotel Tiziano, Lecce

ATI LOGO
UNISALENTO LOGOPOLIBA LOGO

News

Nuova Scadenza al 26 maggio per invio articoli in bozza
Leggi

Sono disponibili i templates e le istruzioni per l'editing dei papers.
Leggi

"Gestione Intelligente e Ottimale dei Sistemi Energetici"
Intelligent and Optimal Management of Energy Systems

L'associazione Termotecnica Italiana, dalla data della sua costituzione legale (il 12 luglio 1947), ha sempre svolto un ruolo importante nel promuovere, presso le Università ed il mondo produttivo e della pubblica amministrazione, lo studio della termotecnica e delle problematiche ad essa inerenti in campo scientifico, tecnico e industriale, divenendo presto un polo di aggregazione di organismi attivi in ambiti affini, come i Soci Affiliati AiCARR (Associazione Italiana Condizionamento Aria Riscaldamento e Refrigerazione), ANTA (Associazione Nazionale Termotecnici ed Aerotecnici) e del CTI (Comitato Termotecnico Italiano), di cui è socio fondatore.

L'articolata presenza sul territorio, attraverso 16 Sezioni Regionali, ha permesso all'ATI di svolgere un'ampia azione di disseminazione della cultura termo-energetica e di promuovere la nascita di un vivace e proficuo confronto tra i pensieri e le diverse esperienze maturate in questo campo, raggiungendo presto il prestigio necessario per interloquire efficacemente con le strutture pubbliche nazionali ed internazionali, il mondo industriale e gli utenti.

L'ATI ha svolto un ruolo importante e decisivo nel promuovere l'innovazione tecnologica del settore energetico e termo-tecnico, grazie alla collaborazione con buona parte del mondo accademico delle più importanti Università Italiane, del CNR, dell'ENEA, dell'ENEL delle associazioni degli industriali nonchè degli installatori.

Importanti canali di diffusione delle ricerche tecnico scientifiche, nonchè delle innovazioni tecnologiche presentate sul mercato termotecnico sono sicuramente il Congresso di tale Associazione, che si tiene annualmente presso una sede Universitaria, e la rivista la Termotecnica, di proprietà della stessa Associazione, su cui vengono pubblicate le migliori ricerche effettuate in campo nazionale ed internazionale nel Settore e le innovazioni tecnologiche presentate sul mercato. Da qualche anno a questi canali si è aggiunta anche la pubblicazione delle ricerche presentate al Congresso ATI su "Energy Procedia", un open Journal a diffusione internazionale, che è anche indicizzato da Scopus, il data base da cui traggono informazioni la maggior parte delle Università italiane.

Il Congresso Nazionale ATI è il punto di incontro dei docenti di "Macchine e Sistemi Energetici" e di "Fisica Tecnica", per cui un importante punto di riferimento nazionale, ma talvolta anche internazionale, in cui ci si può confrontare presentando le ultime ricerche scientifiche effettuate.

L'associazione Termotecnica Italiana ha deciso di organizzare il suo 72º Congresso Nazionale nei giorni 6-7-8 settembre dell'anno corrente presso la città di Lecce, riportando pertanto tale Congresso in Puglia dopo una ventina d'anni, avvalendosi dell'organizzazione della Sezione Puglia e Basilicata della stessa Associazione, ed in particolare sotto la guida del Presidente Ing. Bernardo Fortunato, Professore Ordinario di Macchine e Sistemi Energetici del Politecnico di Bari, coordinato dall'Ing. Antonio Ficarella, Professore Ordinario di Macchine e Sistemi Energetici dell'Università del Salento, e di un comitato organizzativo formato quasi completamente da un team di docenti del Politecnico di Bari e dell'Università del Salento.

L'organizzazione si avvale della speciale consulenza del Prof. Emerito Umberto Ruggiero, già Presidente Onorario della Associazione Nazionale.

In qualità di Presidente ATI Sezione Puglia e Basilicata, a nome dell'intero Comitato Organizzatore e a nome del Presidente generale dell'ATI Prof. Enzo Naso, sono particolarmente onorato di invitare tutti i potenziali interessati al 72º Congresso nazionale a Lecce, certo che la partecipazione comporterà grande beneficio dal punto di vista Scientifico e Culturale.

Bernardo Fortunato